Portare i capelli bianchi è un arte.

Adoro vedere donne fiere dei loro capelli bianchi, donne che manifestano tutto il loro stile, la loro bellezza, l'orgoglio e l'eleganza degli anni portati come una ricchezza e non come qualcosa da nascondere.

E a loro mi sono ispirata quando qualche anno fa, complice anche una freschezza ritrovata nei lineamenti grazie a quei pochi preziosi minuti giornalieri dedicati alla ginnastica facciale, ho deciso di smettere di tingere i mie capelli e di provare per la prima volta a vedermi come ero realmente.

Non è sempre facile, guardarsi allo specchio e vedere tutta la vita che ti è passata addosso, che ti ha trasformata e non sempre ti riconosci. Forse perché ancora ti senti trentenne, ancora conservi gli stessi entusiasmi, la stessa curiosità e la stessa voglia di vivere, e quindi quelle trasformazioni che vedi tutto sommato non ti corrispondono.

Quindi quello che diventa chiarissimo è che devi iniziare a guardarti in un modo diverso, ad esplorare un modo tutto nuovo per vivere questa età di cui non sai nulla, se non quello che pensavi quando avevi la metà degli anni di adesso. Io penso a come vedevo le mie nonne, e poi mia mamma, e un pò avevo paura di tutti quei cambiamenti che prima o poi sarebbero arrivati anche per me.

Il Grey&White mi ha regalato un'armonia con quei cambiamenti, non ci sono contrasti tra una giovinezza artificiale ostentata ed un naturale percorso di "evoluzione" verso la maturità.

Le parole anche in questo caso sono essenziali, è essenziale come configuri nel tuo sistema ciò che ti accade. Non serve a nulla combatterlo, rinnegarlo, nasconderlo, anzi ho sperimentato quanta fatica e quanta frustrazione può portare tutto questo.

Accettare e riconoscere l'inizio della terza età come una naturale evoluzione del mio percorso è stato decisivo.

Non ho rinunciato alla cura del mio aspetto, che anzi oggi passa attraverso dei canoni assolutamente originali e personali, mi piace anzi giocare con la mia immagine, mi sento coerente ed autentica, e tutto sommato libera da pagelle esterne.

Quindi utilizzo a piene mani tutto ciò che mi aiuta a sentirmi così: lo Yoga, l'allegria, i nuovi progetti, le amiche un pò matte, la ginnastica facciale, un'alimentazione sana ma anche qualche peccato di gola, che come tutti i peccati veniali rende frizzante la vita, l'amore per il bello in tutte le sue forme e tutto ciò che sia in grado di portare valore nella mia vita.

E quindi si, posso dire che il White, o meglio il Grey&White possono essere una grossa libertà.